MALATESTA | MAGGIORE

MUSICAGE OFF

Giovedì 22 novembre

Loco’s Bar, Rovereto

A cura di U-Man

 

Ore 18.30
Incontro aperto con Enrico Malatesta e Luciano Maggiore sulle realizzazioni di 27’10.554” for a Percussionist e Fontana Mix

 

Ore 22.00
LUCIANO MAGGIORE esegue Fontana Mix, John Cage (1958)

ENRICO MALATESTA esegue 27’10.554”, John Cage (1956)

 

 

 

Enrico Malatesta. Percussionista attivo nel campo della musica contemporanea, elettroacustica e di improvvisazione, è nato a Cesena nel 1985.
Ha studiato percussioni classiche presso il conservatorio di alta formazione artistica “Bruno Maderna” di Cesena approfondendo sia il repertorio solistico che orchestrale.
La sua personale attività e ricerca è volta alla ridefinizione del ruolo del percussionista nei diversi ambiti contemporanei, approfondendo la dimensione acustica e materica degli strumenti a percussione.
Oltre ai personali progetti, è attivo anche come interprete di repertorio solista del ‘900 comprendente partiture grafiche e/o di notazione non tradizionale di compositori quali John Cage, Morton Feldman, Karlheinz Stockhausen, Earle Brown.
Lavora regolarmente in duo con i percussionisti Christian Wolfarth e Seijiro Murayama ed è membro fondatore dell’ensemble “Glück”, dedito all’esecuzione e sviluppo di nuova musica per percussioni; collabora con musicisti come Robin Hayward, Giuseppe Ielasi, Stefano Pilia, Renato Rinaldi, Tristan Honsinger, Katsura Yamauchi, Eugene Chadbourne, Lorenzo Senni, Luciano Maggiore, Dominique Vaccaro, Renato Ciunfrini, Manuel Mota, Urs Leimgruber, Nikos Veliotis, Matija Schellander, Franz Hautzinger, Burkhard Beins, Michael Vorfeld, Ingar Zach, Philip Corner, Vinko Globokar; ha tenuto concerti in tutta Europa, Giappone e Corea del Sud e pubblicato materiale per le etichette italiane Presto!?Records, SECONDSLEEP, Senufo Editions.
Dal 2007 lavora come musicista di scena per Teatro Valdoca e Mariangela Gualtieri.
Lavora regolarmente con danzatori e con l’artista Riccardo Baruzzi nei progetti “studio visit” e “ministrutture concrete sparse”.
Interessato alla didattica, ha sviluppato “Sull’istmo”, un laboratorio teorico/pratico sul dettaglio sonoro e micro-dinamiche aperto ad attori, musicisti e danzatori,realizzato in varie località d’Italia.
Organizza serie di eventi e concerti volti a migliorare la circuitazione della musica contemporanea.

 

 

 

Luciano Maggiore (Palermo 1980) vive e lavora a Bologna. Musicista attivo nel campo della musica elettroacustica, negli ultimi anni ha sviluppato un forte interesse nei confronti dei meccanismi di diffusione del suono, utilizzando speaker e vari supporti analogici e digitali (walkman, lettori cd, registratori a bobina) come primo strumento. Il suo interesse si snoda tra valori architettonici e psicoacustici come anche dinamici e direzionali del suono, ponendo un forte accento nei confronti dei suoni fissati.
Lavora regolarmente in duo con Francesco Brasini ed Enrico Malatesta. Ha collaborato con Angstarbeiter, Auriga, Tim Blechmann, Tomaz Grom, Mario De Vega, John Duncan, Andrew L. Hooker, Seiji Morimoto, Seijiro Murayama, Dominique Vaccaro,Teatro Valdoca, Zapruder Filmmakergroup, Zimmerfrei.
Il suo lavoro è edito da Boring Machines e Senufo Editions.

 

 



I commenti sono chiusi.